NEWS

Meeting globale INSTO 2019 a Madrid

Anna Scuttari & Andreas Dibiasi Global INSTO Meeting Madrid

Il Center for Advanced Studies di Eurac Research contribuisce con un intervento sui progressi nell’analisi dell’accessibilità dei sentieri per una migliore pianificazione dei trasporti

Più di 100 esperti e stakeholder provenienti da tutto il mondo si sono incontrati al Global INSTO Meeting 2019 presso la sede dell’Organizzazione Mondiale del Turismo UNWTO a Madrid. 28 osservatori hanno preso parte all’evento per condividere le loro esperienze nella misurazione del turismo sostenibile e per imparare gli uni dagli altri. I nostri ricercatori Anna Scuttari e Andreas Dibiasi erano a Madrid per parlare dei progressi nell’analisi dell’accessibilità dei sentieri per una migliore pianificazione dei trasporti.

Dal 2018, l’Alto Adige fa parte della Rete Internazionale degli Osservatori del Turismo Sostenibile (INSTO) dell’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), impegnata a monitorare regolarmente l’impatto economico, ambientale e sociale del turismo. I ricercatori di Eurac Research, insieme agli esperti dell’IDM Alto Adige e della Provincia Autonoma di Bolzano, hanno aperto la strada ad un osservatorio, dopo una fase durata un anno per completare la domanda. Il meeting annuale globale dell’INSTO di fine ottobre ha offerto l’opportunità non solo di presentare i primi dati raccolti, ma anche di condividere l’esperienza della creazione di un osservatorio, di cui altre regioni interessate potrebbero beneficiare. Anna Scuttari, Senior Researcher del Center for Advanced Studies, ha inoltre presentato una relazione sull’accessibilità dei sentieri escursionistici con i mezzi pubblici in Alto Adige.

Focus sull’accessibilità dei sentieri escursionistici in Alto Adige

La disponibilità e l’accessibilità dei sentieri escursionistici con mezzi di trasporto diversi dall’auto privata è di grande valore per gli ospiti altoatesini, perché favorisce una minore emissione in loco e un migliore valore paesaggistico ed estetico in prossimità dei punti di partenza, grazie al minor numero di parcheggi. Si è quindi ritenuto importante valutare il grado di accessibilità dei sentieri escursionistici e monitorare il trasporto sostenibile a disposizione degli ospiti. Il grado di accessibilità è stato calcolato grazie alla collaborazione di UNWTO, ESRI Spagna e associazioni escursionistiche locali (AVS e CAI). I sentieri primari rappresentano i due terzi di tutti i sentieri dell’Alto Adige e oltre il 40% di essi sono raggiungibili in 10 minuti a piedi dalla fermata dell’autobus o dalla stazione ferroviaria più vicina. Oltre il 60% è raggiungibile in 20 minuti a piedi e solo il 38% richiede più di 20 minuti.

La mappa con i risultati più dettagliati può essere consultata QUI.

Menu