NEWS

Rispetto per il prezioso spazio naturale delle montagne

Il primo Global Mountain Sustainability Forum, organizzato da Eurac Research, dall’Università delle Nazioni Unite e dall’Associazione Turistica di Sesto ha evidenziato l’importanza delle narrative per lo sviluppo sostenibile delle aree montane.

Le regioni di montagna sono aree particolarmente sensibili dal punto di vista ecologico. Come potremo in futuro vivere e lavorare nelle regioni di montagna, sfruttando in modo sostenibile le limitate risorse di questa sensibile area ecologica? Qual è il ruolo del turismo nel dibattito sulla sostenibilità, e come si può facilitare un’economia migliore e più verde dopo la pandemia? Queste domande sono state al centro del primo Global Mountain Sustainability Forum, una conferenza scientifica online in cui ricercatori delle regioni di montagna di tutto il mondo si sono scambiati opinioni per un approccio coordinato tra teoria e pratica.

La prima edizione del Global Mountain Sustainability Forum si è svolta in un momento particolarmente critico e unico nella storia del nostro pianeta. “Mentre affrontiamo la pandemia Covid 19 e altre pressioni come il cambiamento climatico e le disuguaglianze, gli ecosistemi di montagna e i loro abitanti avranno un ruolo critico nel promuovere un mondo sostenibile ed equo”, dice Julia Klein, professoressa di ricerca sugli ecosistemi e la sostenibilità alla Colorado State University. Le montagne sono “torri d’acqua”. Forniscono circa il 60-80 per cento dell’acqua dolce del nostro pianeta e contribuiscono in modo decisivo al miglioramento della qualità dell’acqua e dell’aria. Sono l’habitat di un terzo di tutte le specie conosciute sul nostro pianeta. Circa il 50 per cento degli hotspot della biodiversità nel mondo si trovano nelle regioni di montagna. Le loro foreste montane riducono l’impatto dei pericoli naturali sulle condizioni di vita delle persone nelle valli e lungo i fiumi, e sono importanti pozzi di assorbimento del carbonio la cui capacità di stoccaggio aumenterà in futuro.

“Purtroppo, le regioni di montagna sono particolarmente vulnerabili al riscaldamento globale e alla crescente variabilità del clima in tutto il mondo”, sottolinea Xiaomeng Shen, vice rettrice dell’Università delle Nazioni Unite (UNU) in Europa. Ciò ha un impatto particolarmente rapido e diretto sulla frequenza e l’intensità dei pericoli naturali. La vulnerabilità delle regioni di montagna deve essere riconosciuta in tutto il mondo. Insieme alla crescita della popolazione e alla gestione insostenibile delle risorse naturali, si sta esercitando una pressione pericolosa sugli ecosistemi montani e sulle comunità locali. L’interazione tra azioni locali e iniziative globali è quindi più che mai necessaria per un percorso sostenibile nel futuro. “Soprattutto nella situazione attuale, la gestione del turismo alpino può essere vista come un gamechanger, se associata ad una buona gestione delle narrative. Questo è importante quanto la gestione del rischio”, evidenzia Jakob Rhyner, professore di Global Change and Systemic Risks presso l’Università di Bonn.

“Dobbiamo riflettere sul tipo di sviluppo che vogliamo per i nostri habitat, e soprattutto su cosa vuole la popolazione locale. Il turismo si svilupperà automaticamente intorno a questi habitat”, afferma Dirk Glaesser, Direttore del Dipartimento per lo Sviluppo Sostenibile del Turismo dell’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), sottolineando la necessità di un restart responsabile del Turismo. “Quando parleremo di turismo tra 20 anni, parleremo anche di nuovi modelli di lavoro, di nuovi modi di trascorrere il tempo libero. In questo senso, non dobbiamo vedere la crisi di Covid 19 come una semplice interruzione, ma come un cambiamento strutturale. Dobbiamo sfruttare il turismo per promuovere lo sviluppo sostenibile nelle regioni di montagna”. Nei Paesi dell’emisfero Sud, ad esempio in Africa, sono soprattutto le donne e i giovani ad essere ambasciatori della sostenibilità, acquisendo nuove tecnologie e conoscenze innovative, come illustra Musonda Mumba, responsabile del Dipartimento degli ecosistemi terrestri delle Nazioni Unite. Il branding svolge un ruolo speciale nella sensibilizzazione di questi habitat al di fuori delle regioni di montagna. In Africa, così come in Alto Adige, ciò avviene principalmente attraverso i prodotti locali. Un’attenzione particolare alla sostenibilità socioeconomica in Alto Adige è stata offerta anche da cinque presentazioni dell’Istituto di ricerca economica in Alto Adige (IRE). I ricercatori hanno discusso di esempi di successo di innovazione aziendale, dei diversi modi di affrontare la digitalizzazione e della mancanza di lavoratori qualificati in Alto Adige.

La conferenza finale del Global Mountain Sustainability Forum è stata tenuta dall’economista statunitense e premio Nobel Joseph Stiglitz. “Abbiamo bisogno di una più forte cooperazione globale, di una solidarietà globale, come la scienza ha già dimostrato unendo le forze per la ricerca di farmaci e vaccini efficaci contro il virus”, dice Stiglitz. Le istituzioni multilaterali sono una delle chiavi della cooperazione globale. Secondo Stiglitz, la pandemia ha messo radicalmente a nudo le debolezze della nostra società e della nostra economia. Così come la miopia dei mercati e delle catene di approvvigionamento, che si sono rivelati tutt’altro che resistenti. Un rilancio può quindi funzionare solo se si tratta di un nuovo inizio in una società più verde, più sostenibile e più equa.

Serata di discussione aperta al pubblico con Reinhold Messner

Oltre alla conferenza scientifica, il Global Mountain Sustainability Forum ha offerto un evento serale aperto a tutti gli interessati. Il discorso di apertura è stato tenuto da Reinhold Messner. Il confine tra paesaggio culturale e naturale si fa sempre più sfumato, spiega l’alpinista estremo e progettista di musei. Ciò è dovuto principalmente alla costruzione di infrastrutture nelle regioni di alta quota. Questo sviluppo deve fermarsi, dice, perché deruba la montagna della sua sublimità. Allo stesso tempo, Messner sottolinea che le strutture esistenti dovrebbero continuare ad essere utilizzate, e che gli edifici obsoleti potrebbero essere riqualificati nel senso di upcycling. La costruzione di semplici sentieri per permettere ai contadini di accedere ai loro alpeggi è necessaria anche per mantenere questo paesaggio culturale.

Dopo la presentazione, Marcella Morandini, direttrice della Fondazione Dolomites UNESCO, Susanna Sieff, direttrice per la sostenibilità, Cortina 2021, il direttore marketing dell’IDM Wolfgang Töchterle e l’albergatrice Simone Wasserer hanno discusso le sfide dello sviluppo sostenibile nelle regioni di montagna, in particolare per quanto riguarda la governance, la mobilità e i grandi eventi, con Harald Pechlaner, direttore del Center for Advanced Studies. Il tenore comune: la sostenibilità non è un obiettivo che si concentra su un solo livello che può essere raggiunto e poi soddisfatto. Si tratta piuttosto di un intreccio di obiettivi. Per realizzarli, è necessaria una narrativa che sia sostenuta da tutti i decisori, dagli ospiti e dalla popolazione. Solo chi conosce la storia e i miti della montagna può incontrarli in modo sostenibile e sviluppare il rispetto per questo paesaggio naturale.

Il Global Mountain Sustainability Forum è stato organizzato dal Center for Advanced Studies di Eurac Research, dal Center for Global Mountain Safeguard Research GLOMOS, l’Università delle Nazioni Unite (UNU) e dall’Associazione Turistica di Sesto.

Menu